Per molti corridori, sperimentare lo “sballo del corridore” è uno dei maggiori vantaggi di questo sport. La convinzione prevalente è che il rilascio di endorfine causi questa sensazione, ma un nuovo studio sulla rivista Psychoneuroendocrinology suggerisce che potrebbe non essere così.